Home   Focus on   Brioche, pandispagna e pasta frolla. La tradizione si fa merendina

Brioche, pandispagna e pasta frolla. La tradizione si fa merendina

nonna_tradizione_merendine_428

L’antropologo Sergio Grasso ci racconta la merenda e le merendine, dalla ricetta della nonna  al prodotto da forno confezionato

 Dalla ricetta della nonna alla dispensa – Pan di spagna, paste frolle, paste sfoglie, paste lievitate, secche, ripiene ci sono circa 1500 anni di storia dietro alle merendine, perché come sottolinea l’antropologo e food writer Sergio Grasso: “ Le merendine di oggi sono l’evoluzione di quelle della nonna di ieri, perché l’innovazione non è altro che la tradizione che ha avuto fortuna”.  L’antropologo sottolinea come la tecnologia alimentare contemporanea garantisca al  consumatore  una maggiore salubrità del prodotto dal punto di vista igienico e delle materie prime e non necessariamente prodotti industriali diversi, per qualità, da quelli fatti in casa: “Certo quest’ultimo  è forse più bello da pensare ma quello industriale (e l’industria quando lavora bene lavora benissimo) può essere altrettanto perfetto quanto il prodotto della nonna e non tanto diverso alla fine anche nella tecnica produttiva”.

La dolcezza della merenda – Ma come mai i dolci a base di farina, zucchero e uova, frutta secca e marmellata sono sempre stati usati per fare merenda? L’antropologo ci spiega che, a prescindere dall’attrazione personale per i gusti dolci o salati, il dolce è il primo gusto che si sperimenta appena nati, non a caso le papille gustative che lo identificano si trovano sulla punta della lingua ed è la prima gratificazione per il bambino: “La prima gratificazione che il bambino, il neonato, ha è quella del contatto con il capezzolo della madre e con il latte che è dolce. Quindi il gusto dolce è connaturato nella nostra percezione di gratificazione. Cibo e sesso le due attività più gratificanti per l’essere umano si sostanziano in una piccola ghiandoletta a forma di mandorla che si chiama amigdale, che ha sede proprio sotto il nostro cervelletto. Il piacere che procura il dolce credo sia veramente il senso compiuto della parola merendameritanda”.

Pubblicato in: