Home   Focus on   Sport invernali e merenda: i consigli degli esperti

Sport invernali e merenda: i consigli degli esperti

merenda sport

In occasione della Giornata Mondiale della Neve ecco i consigli degli esperti per una perfetta merenda in montagna

Ad alta quota – L’aria pulita, il cielo limpido, la natura incontaminata e silenziosa: per molti, anzi quasi per tutti, è questo la montagna. Alla bella vista e all’atmosfera genuina si può unire una buona dose di relax assoluto oppure una sessione di sport all’aria aperta con sci e slittini. Doveste optare per la seconda strada, quale è la merenda giusta da fare in alta quota? Ve lo diciamo noi, con un occhio ai più piccoli.

Cosa mangiare – Assieme al Professor Michelangelo Giampietro, specializzato in Medicina dello Sport e in Scienza dell’Alimentazione, abbiamo analizzato la corretta alimentazione da tenere in montagna. Il consiglio più importante riguarda la colazione: conviene affidarsi ai carboidrati, semplici e complessi. Quindi pane, biscotti secchi, fette biscottate con la marmellata, alternandoli con dolci da forno a base di pandispagna, frolla o cereali con latte o yogurt. Ciò vale per tutti, grandi e bambini.

Per i bambini – Per la merenda dei nostri piccoli occorre una soluzione pratica, veloce e digeribile, soprattutto se si è sulle piste: una confezione di biscotti o una merendina vanno bene, accompagnati da acqua, tè o succhi diluiti. In generale un’ora di sci di fondo comporta un dispendio energetico di 300-400 calorie circa quindi se si è normopeso bisogna rimanere all’interno di questo range: non più di 400 calorie in aggiunta al fabbisogno energetico quotidiano. Tutt’altro discorso per i bambini in sovrappeso che non devono invece modificare l’apporto calorico, potendo così approfittare dei giorni in montagna per fare sport divertendosi e perdere peso.

Da non perdere – La Giornata Mondiale della Neve viene celebrata ogni anno a partire dal 2012 con eventi patrocinati dalla Federazione Internazionale dello Sci. Un appuntamento nato con l’obiettivo di riscoprire il fascino della neve e soprattutto di avvicinare i bambini agli sport invernali, da praticarsi all’aperto anche durante la stagione più fredda.

Pubblicato in: