Home   Focus on   Mamme e merendine: fenomenologia di un’abitudine sociale

Mamme e merendine: fenomenologia di un’abitudine sociale

Mamme che lavorano, bambini e merendine. Cosa li lega?

Le merendine si evolvono con i cambiamenti della società – Le merendine sono un prodotto che è vissuto nella società e che si è evoluto con essa, in base ai mutamenti sociali e alle richieste dei consumatori. Non è un caso, infatti, che abbiano avuto il loro momento di maggior successo in concomitanza con l’ingresso delle donne nel mondo del lavoro, all’inizio degli anni 70 e ancora di più nei due decenni successivi.

Le merendine rappresentano infatti la più grande invenzione per praticità e condizioni igieniche e sono nate proprio per andare incontro ai nuovi ritmi di vita quotidiana. A partire dai primi anni Ottanta, insieme al boom dell’industria dolciaria e alla diversificazione dei piccoli prodotti da forno, si assiste a una “rivoluzione silenziosa”: il numero delle donne che lavorano cresce, seppur lentamente, in maniera continua: 34% nel 1980, 38% nel 1990, 39% nel 2000.

Mamme e lavoratrici – Questa progressiva uscita delle donne dai confini esclusivi della cura della casa e della preparazione dei pasti e delle merende, ha offerto l’opportunità, anche all’industria del dolce (come più in generale a quella alimentare), di rispondere alla crescente richiesta di alimenti specifici per l’esigenza delle merende. E lo ha fatto nel solco della tradizione, immaginando la versione “confezionata” di quelli che erano i dolci (crostate pan di spagna, ciambelle, torte margherita e lievitati ripieni di marmellate etc) preparati dalle mamme per la merenda dei propri figli.

Il boom delle merendine – Negli anni Settanta-Ottanta le merendine – pratiche, igieniche, sicure, in monoporzioni – diventano sempre più di casa nelle famiglie italiane e si afferma il concetto che i figli non vanno solamente nutriti, ma devono essere nutriti meglio. Così l’industria approntò una vasta gamma di prodotti per rispondere alle diverse necessità nutrizionali dei bambini e dei ragazzi, nonché ai diversi momenti della giornata, dalla prima colazione alle due merende, rendendo felici mamme e bambini.

 

Pubblicato in: